Sleep è l’app che concilia il sonno

Sleep è l'app che concilia il sonno

Con Sleep puoi dire addio alle notti insonni e allo stress.

Non sono pochezze persone che soffrono di insonnia e di stress, al giorno d’oggi. Le cause possono essere le più varie, iniziando dal lavoro o dallo studio per arrivare ad orari sbagliati eccetera. Prima di affidarsi a farmaci, è meglio pensare ad alternative più lievi, come ad esempio ad un’applicazione come questa: Sleep. Infatti, Sleep è l’app perfetta perchè concilia il sonno.

Sleep concilia il tuo sonno

L’app in questione si chiama Sleep: suoni per il sonno ed è particolare nel suo genere. Infatti, sfrutta le onde sonore per aiutare l’utente  a risposare e a cercare di mitigare lo stress. L’applicazione include vari scenari sonori da poter riprodurre, l’utente può scegliere quello che preferisce passando il dito sullo schermo. Ad esempio, si può cercare il relax ascoltando i suoni dei templi tibetani, oppure ascoltare il rumore che proviene dalle foreste, o il brusio che proviene dalle strade in una giornata di pioggia, solo per citarne alcuni.

Ma non è tutto, perché gli sviluppatori hanno pensato anche a richieste diverse. Infatti, se l’utente ha bisogno di suoni particolari per addormentarsi può andare alla sezione Sounds. Qui sono racchiusi circa un centinaio di effetti diversi, ad esempio il rumore delle bolle, le persone che chiacchierano, il rumore di automobili che corrono sulla strada, eccetera.

Sleep: suoni per il sonno non è, però, un’applicazione gratuita. Prevede una prova gratuita di sette giorni, dopo di che è richiesto un pagamento di 2,99€ a settimana che, comunque, si può disdire in qualunque momento. Se cerchi un’app ben fatta che concilia il sonno davvero, ecco la scelta più affidabile.

Sleep è l'app che concilia il sonno

Sleep: suoni per il sonno: valutazione finale

L’idea è buona e l’app è davvero valida, perchè include suoni che conciliano il sonno, andando incontro anche a chi è più esigente e cerca suoni particolari. Tuttavia, è richiesto un prezzo un pò troppo alto.

VOTO=3/5

Per non perdere i nostri articoli puoi seguirci sul canale Telegram o su Google News. Non esitare a condividere le tue opinioni e/o esperienze commentando i nostri articoli.

 

Articolo precedenteCrea NFT dal tuo smartphone con questa app
Articolo successivoPrivacy su WhatsApp: la guida completa
Oltre ad occuparmi di tecnologia, mi piace scrivere e leggere. Amo i libri, le passeggiate, gli smartphone e la musica. Parlo poco, piuttosto scrivo, perchè penso che la parola scritta sia ancora l’arma migliore. Scrivo articoli dal 2005, prima per il blog MobileToday, poi per Scontista.com. Anni prima avevo pubblicato tre libri di racconti, un romanzo e un breve saggio. Trovi i libri che ho pubblicato su Amazon, Google Play Libri e Apple Books, in edizione cartacea sono tutti editi da Prospettiva Editrice.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui