Raspberry Pi 400 offre tanto con poco prezzo | Recensione

Raspberry Pi 400 offre tanto con poco prezzo | Recensione

Abbiamo provato questo modello che include il PC incorporato nella tastiera. Solo belle speranze? Ti dico tutto qui sotto

Chi ha i capelli grigi o giù di lì ricorda sicuramente il Commodore 64, ma che c’entra con Raspberry Pi 400? Proprio come era quella macchina negli anni ottanta del secolo scorso, il Raspberry Pi 400 è un computer chiuso dentro una tastiera.

Confezione

Il kit che ci è arrivato in redazione è provvisto anche di un mouse, un alimentatore di rete, un cavo HDMI, una scheda microSD che include il sistema operativo già installato e il manuale di istruzioni in italiano (una rarità praticamente).

Come collegare Raspberry Pi 400

Collegare Raspberry Pi 400 è un gioco da ragazzi. Infatti, è bastato collegare il mouse, il cavo HDMI e il cavo Ethernet (se non si vuole utilizzare la rete wi-fi) alle porte che troviamo sul retro della tastiera, collegare il tutto a un monitor e accendere.

Specifiche tecniche

Il sistema operativo che gira in questo modello è una versione di Linux dedicata, chiamata Raspberry PiOS che, in sostanza, è una distribuzione Debian, a tutto vantaggio dell’utente perchè contiene molti più programmi rispetto ad altre versioni. L’avvio è abbastanza veloce, dalla microSD.

La versione installata

Raspberry Pi 400 ha un menù abbastanza classico, dove troviamo la scrivania con il menù delle applicazioni installate in alto a sinistra, mentre sul lato destro troviamo l’orologio e alcune informazioni su Bluetooth, Wi-Fi ecc. Di conseguenza, chiunque provenga da un PC Windows non avrà nessun spaesamento di fronte a Raspberry Pi 400.

Inoltre, aver inserito una Raspberry Pi 400 dentro una tastiera ha costretto a rivedere la SoC, tanto che qui si ritrovano tutte le porte già presenti nella scheda originale, ma messe sul retro, come il GPIO che serve a chi realizza progetti con componenti elettronici per far comunicare il PC con le parti elettroniche per programmarle.

La disposizione delle componenti interne ha consentito di coprire i chip interni con una lastra di metallo che, a sua volta, ha permesso di dissipare il calore che arriva dalla CPU.

La tastiera conserva il layout italiano. In sostanza, questo Raspberry Pi 400 è una versione potenziata del Raspberry Pi 4.

Come funziona

Ma come va? La potenza sprigionata permette di avere un utilizzo normale, quindi per la navigazione, per la scrittura di testi e fogli di calcolo, per la chat, per la grafica o per editing video. E’ bene avere una mente un pò elastica, perchè non è un sistema Windows, quindi troviamo tanti programmi differenti, ma diversi da quanto vediamo su Windows. Poi, per carità, chi non si trova più spendere 50-70€  per acquistare dei mini PC con Windows, ma non è affatto un altro pianeta questo Raspberry Pi 400.

Quanto costa

Il prezzo è di poco superiore ai 110€ sul sito ufficiale e con quello che offre è un ottimo affare. Valido acquisto per chi vuole imparare la programmazione e per conoscere il mondo open source che è in grado di far scoprire tante cose. Vari componenti sono in vendita sullo store di Amazon.

Raspberry Pi 400: valutazione finale

Ottimo modello che può regalare soddisfazioni, a patto di sganciarsi dalla prospettiva Windows, perchè Linux è un’altra provincia.

PRO

  • Una galassia di programmi a disposizione;
  • Costo limitato;
  • Aperto a più utilizzi;

CONTRO

  • Linux non è Windows;
  • Manca un jack audio;

Se questo articolo ti è stato utile ricorda di iscriverti al blog su Google News. Ascolta i nostri podcast sul canale YouTube.

Raspberry Pi 400 offre tanto con poco prezzo | Recensione

 

 

 

 

 

Raspberry Pi 400 offre tanto con poco prezzo | Recensione

Articolo precedenteCome stampare la rubrica contatti iPhone
Articolo successivoTante offerte sul Play Store per Android
Appassionato di tecnologia da sempre. Mi occupo di notizie, approfondimenti e guide dedicate al mondo Android e della tecnologia in generale. Mi piace la musica, amo anche il cinema e le serie TV. Ho scoperto Android con gli smartphone Nexus di Google, ma ho utilizzato anche iPhone per anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui