Pixel Watch 2: Il nuovo smartwatch Google!

Pixel Watch 2: Il nuovo smartwatch Google!

Nel panorama degli smartwatch arriva in Italia anche l’ultimo di Google

L’evoluzione del mondo degli smartwatch è in rapido sviluppo, e Google non resta certo indietro con il suo Pixel Watch 2. Per chi non è avvezzo al mondo tech, gli smartwatch sono dispositivi indossabili, simili a degli orologi, che offrono una serie di funzionalità avanzate legate alla tecnologia e alla connettività. In questo articolo, analizzeremo le caratteristiche e le funzionalità dello smartwatch Pixel Watch 2, per fornire un quadro completo a chi desidera avere informazioni chiare e dettagliate sul prodotto.

Caratteristiche Principali del Pixel Watch 2

Nel mondo degli smartwatch, le caratteristiche tecniche sono cruciali. Esse determinano le performance, la durata della batteria, la qualità dello schermo e molto altro. Analizziamo insieme le principali specifiche dello Pixel Watch 2.

Design e Materiali

Il Pixel Watch 2 si presenta con un design moderno e minimale, adattandosi perfettamente sia ad un contesto casual che professionale. I materiali utilizzati garantiscono resistenza e durabilità nel tempo. La cura del dettaglio risulta evidente, con un display AMOLED che offre colori brillanti e nitidezza superiore.

Il display è stondato con la cassa circolare da 41 mm in alluminio riciclato e vetro bombato 3D Corning Gorilla Glass 5. La misura è unica, perchè bisogna ammettere che si adatta bene sia sui polsi sottili che su un polso più marcato.

Ottime la vestibilità e l’ergonomia, il Pixel Watch 2 pesa solo 31 grammi e il cinturino è in silicone morbido, con chiusura che si rifà a quella dell’Apple Watch. Non dà nessun fastidio. Forse in estate, con il sudore, sarà meglio cambiare cinturino per evitare di avere leggere dermatiti, come capita a molti utenti che utilizzano i cinturini in silicone.

Quanto alle certificazioni, Pixel Watch 2 ha una certificazione IP68 e resistenza fino a 5 ATM, in modo da poter essere utilizzato anche in piscina.

In merito ai pulsanti, nulla di differente da altri smartwatch. Troviamo un pulsante multifunzione a filo della cassa, una corona laterale con tecnologia aptica per muoversi nell’interfaccia menù, un foro per il microfono e uno per l’altoparlante.

Buono anche il display, AMOLED con luminosità massima fino a 1000 nit. E’ presente anche l’Always On che si regola automaticamente grazie al sensore integrato. Il funzionamento è ottimo, bisogna ricordarsi di impostare la Modalità Riposo se si dorme con il Pixel Watch 2 per disattivare l’accensione legata al movimento e ai tocchi.

Pixel Watch 2: Il nuovo smartwatch Google!

Un aspetto che non mi è piaciuto è il fatto che il Pixel Watch 2 ha delle cornici parecchio pronunciate. Google ci ha un pò fregati, perchè avendo reso lo schermo un pò bombato ci ha dato l’impressione di avere un display più ampio di quanto non sia in realtà. Ampio margine di miglioramento in questo caso.

Funzionalità e Software

Google ha investito molto nello sviluppo del software di questo dispositivo. Il Pixel Watch 2 funziona con Wear OS4, che si integra perfettamente con l’ecosistema Google, permettendo una sinergia tra smartwatch e smartphone. Funzionalità come il rilevamento del battito cardiaco, il monitoraggio del sonno, e l’integrazione con Google Assistant rendono questo orologio un vero e proprio assistente da polso.

Pixel Watch 2 monta un processore Qualcomm Snapdragon 5100 con co-processore Cortex M33 aiutato da 2GB di SDRAM e 32GB di memoria flash eMMC. La cosa bella del mondo Android è che, anche in questo caso, se vuoi cambiare smartwatch basta fare il backup dei dati in cloud, senza dover per forza resecare il contenuto e ripartire da zero sull’altro smartwatch.

Le app scaricabili non sono così poche come mi sarei aspettato. Ho provato WhatsApp – da quando abbiamo aperto il canale del nostro blog – che permette tra le altre cose anche di inviare e ascoltare vocali,  Spotify perchè la musica non può mai mancare. Poi, ho trovato anche Keep, Google Maps, Gmail e Google Calendar. Peccato che su Calendar si possano solo consultare gli eventi  già inclusi, senza poter mettere manualmente quelli nuovi. Per farlo bisogna chiedere l’aiuto di Google Assistente, ma è abbastanza scomodo e macchinoso.

Comunque, la navigazione attraverso l’interfaccia è abbastanza semplice, scorrendo a sinistra e a destra nella Home troviamo le schermate classiche di tutti gli smartwatch, come passi, battito cardiaco, meteo eccetera. Scorrendo dal bordo superiore verso il basso c’è la scorciatoia per le funzionalità rapide dove c’è anche la possibilità di gestire i dispositivi connessi a Google Home, il wallet di Google Pay grazie all’NFC, la torcia, le modalità aereo/riposo/cinema.

Mi è piaciuta molto la sezione relativa alla sicurezza personale: infatti premendo la corona cinque volte si attiva un SOS che chiama il 112 o un contatto di emergenza inserito in precedenza e c’è anche la possibilità di azionare un allarme con conto alla rovescia per far capire alle persone intorno a noi che sta per partire una chiamata. So che fa molto Apple Watch Ultra. Inoltre, una funzionalità invia la posizione in tempo reale ai contatti di emergenza.

Scorrendo dal bordo inferiore invece si accede alle notifiche, che possono essere lette solo in parte proprio come sull’Apple Watch, perchè resta un limite ai caratteri disponibili. A queste notifiche si può rispondere con le emoji, dettando un messaggio o digitando con il tastierino.

Il tasto laterale, quando viene premuto brevemente, dà accesso alle app recenti, mentre una lunga pressione permette di chiamare l’assistente vocale. Peccato che funzioni solo se si è connessi ad internet.

Leggi anche quale è l’accessorio perfetto per ricaricare uno smartwatch.

Capitolo sensori

Ma la parte più importante, a mio avviso, è data dalla veridicità dei sensori. Che me ne faccio di uno smartwatch per andare a correre se le misurazioni sono falsate, giusto? Per quanto riguarda le attività sportive, il Pixel Watch 2 si appoggia all’app Fitbit. Quindi, non c’è scampo, tocca installare questa applicazione per poter vedere le misurazioni e gli allenamenti. Ad ogni modo, c’è il rilevamento automatico di 7 attività sportive, che mi è sembrato preciso, anche se ci mette un paio di minuto a partire. Spero che sia un bug di questa versione di Wear OS4.

Facendo un allenamento, è possibile visualizzare le informazioni classiche, aggiungendo anche le quattro zone di attività relative alla frequenza cardiaca, e si può impostare manualmente la frequenza cardiaca massima.

Non dimentichiamo, poi, che il Pixel Watch 2 può essere comodamente indossato anche di notte per monitorare le fasi del sonno. Qui l’accuratezza è davvero buona, come del resto lo era con Fitbit. Si può consultare il grafico sullo smartwatch, mentre per gli altri dati si viene rimandati all’app sullo smartphone. La nota dolente è che per avere dettagli maggiori bisogna iscriversi a Fitbit Premium.

Mi è piaciuta anche la possibilità di valutare lo stress: le metriche, in questo casosi basano sulla funzione denominata Risposta del corpo, che sfrutta il sensore cEDA per la misurazione dell’attività elettrodermica continua insieme a quello della temperatura e della frequenza cardiaca. Consente di rilevare eventi potenzialmente stressanti e, di conseguenza, propone degli esercizi di respirazione o suggerisce di fare una camminata. Però, va attivato manualmente.

Non perdere le promozioni sul Google Store, leggi questo articolo.

Autonomia e Connettività

Uno degli aspetti più critici per gli smartwatch è la durata della batteria. Il Pixel Watch 2 promette un’autonomia di circa 36 ore con uso medio, una durata considerevole per la categoria. Io sono riuscito, con un utilizzo normale, a superare le 24 ore di autonomia. In ogni caso, c’è la ricarica rapida che permette di ricaricare da 0 al 95% in circa 55 minuti.

Purtroppo, in Italia non viene venduta la variante LTE. Quindi, solo Wi-Fi. Mah.

Prezzi e disponibilità

Il Pixel Watch 2 è in vendita a 399 euro  su Amazon e da Unieuro, trovi i link giusto qui sotto.

Conclusione

In conclusione, il Pixel Watch 2 si pone come uno dei protagonisti nel panorama degli smartwatch attuali. Per chi cerca un dispositivo che combini design, funzionalità avanzate e una buona autonomia, questa potrebbe essere una scelta azzeccata. Da questo modello, finalmente, Google ha stretto una partnership con Unieuro che permette di trovare i Google Pixel 8 e il Pixel Watch 2 anche nei negozi Unieuro (guarda qui il canale Telegram con le offerte Unieuro e MediaWorld).

Per contro, il prezzo è un pò troppo sbilanciato. Giusto per capirci, troviamo Samsung Galaxy Watch 6 in versione LTE a circa 100 euro in meno.

♥ Continua a seguirci su Telegram, Google News, YouTube, TikTok, FlipboardTwitter , MastodonInstagramPagina Facebook . Facci sapere le tue opinioni ed esperienze commentando i nostri articoli◊. 

Ultimo aggiornamento il 20 Maggio 2024 09:43
VIAFont
Articolo precedentePronto per Halloween? Ecco dieci prodotti per te
Articolo successivoIl telefono Android si spegne a caso? Come risolvere
Mapu ha fondato questo blog nel 2019, dopo aver collaborato con altri blog. Negli anni precedenti aveva pubblicato cinque libri, tra raccolte di racconti, saggi e romanzi. I libri che ha pubblicato sono disponibili in versione digitale su Amazon, Google Play Libri e Apple Books, mentre in edizione cartacea sono tutti editi da Prospettiva Editrice e in vendita sia su Amazon che sul sito dell'editore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui