Perché non ricaricare il telefono durante la notte

Perché non ricaricare il telefono durante la notte

Anche tu metti in carica lo smartphone prima di dormire?Ecco perchè sarebbe meglio non farlo.

Da tempo, ormai, si parla dei modi corretti per caricare un dispositivo come uno smartphone, un tablet eccetera. Però, esiste ancora qualche retaggio che arriva dalla notte dei tempi, cioè da quando siamo stati abituati a ricaricare cellulari con la batteria a ioni di litio molto tempo fa. Perciò, ci portiamo dietro degli errori che, se andavano bene anni fa, ora con le batterie di nuova generazione (che non sono più a ioni di litio) sono sbagliate, in parte o completamente. Qual è il modo migliore per ricaricare il telefono (iPhone e Android) e ottenere la durata della batteria più lunga possibile? Mi sono posto questa domanda e ho deciso di fare un pò di chiarezza.

Perchè ricaricare il telefono durante la notte è sbagliato?

Certo, mica solo io facevo questo. Altre milioni di persone, per comodità e abitudine, ricaricano ogni notte il proprio smartphone. Il discorso vale sia per un dispositivo Android che per un iPhone, sia chiaro.

Sai che un iPhone può passare da zero al 50% di carica in circa 30 minuti utilizzando un caricabatterie da 20 W? Significa che servono circa due ore per arrivare alla ricarica completa. Quindi, che senso ha lasciarlo in carica 8 ore?

Per fortuna un iPhone con iOS 15 ha la ricarica ottimizzata che impedisce di caricarsi una volta che la batteria ha raggiunto l’80% e aggiunge solo il 20% finale in tempo per svegliarti la mattina. Ma, comunque, lasciarlo attaccato al caricabatterie per otto ore è sbagliato. Hai mai sentito parlare del calore dissipato?

Perché non ricaricare il telefono durante la notte

Calore dissipato

Se dovessi definire il calore che il dispositivo sprigiona, mentre è in ricarica, ti direi che è letale per il tuo dispositivo. Infatti, non è altro che energia persa, oltre al fatto che surriscaldando la batteria mentre è in carica, avviene un lento degradamento della batteria stessa. Non a caso, tempo fa ti avevamo parlato di un accessorio semplice ma geniale che ferma la ricarica quando arriva a completamento, evitando di rovinare la batteria notte dopo notte. Ne avevamo parlato in questo articolo e l’accessorio si chiama Witty, azienda italiana.

Leggi l’articolo su Witty per salvare la batteria del tuo dispositivo.

Premesso questo, ci sono due soluzioni. La prima è acquistare questo utilissimo accessorio. La seconda è cambiare le tue abitudini di ricarica, come ti spiego qui sotto.

Cambia le tue abitudini di ricarica

Che altro si può fare? Anziché caricarlo di notte, puoi metterlo in carica a tratti durante il giorno. Ad esempio, ho provato a fare così:

  • Ho fatto una ricarica di 30-45 minuti al mattino dopo essermi alzato.
  • Poi lo carico ancora in pausa pranzo o a metà pomeriggio per portarlo a quell’80%.

In aggiunta, posso caricarlo in auto utilizzando il caricabatterie per auto o attraverso un power Bank. Questo comportamento, è risaputo, stressa meno la batteria e aiuta a preservarla nel tempo. Qui abbiamo recensito ottimi power Bank di Varta che ti consigliamo.

Leggi anche questo articolo per sapere quanto inquina il tuo smartphone.

Qualche chiarimento

La stessa Apple, ad esempio, parla della funzione di carica ottimizzata sul suo sito. Inoltre, ricorda che puoi controllare il comportamento di carica e scarico della batteria andando su Impostazioni > Batteria. 

In merito alla funzione di ricarica ottimizzata, ecco cosa riporta Apple:

Con iOS 13 e versioni successive, la ricarica della batteria ottimizzata è progettata per ridurre l’usura della batteria e migliorarne la durata riducendo il tempo che il tuo iPhone trascorre completamente carico. Quando la funzione è abilitata, il tuo iPhone ritarderà la ricarica oltre l’80% in determinate situazioni.

Un altro modo per aiutare la batteria a degradare meno può essere quello di utilizzare un caricabatterie da 5W, molto più lento di tanti altri in commercio. Già quello in dotazione da Apple da 20W è lento, perchè i dispositivi Android utilizzano caricabatterie molto più potenti, da 50W e oltre. Questa guida può migliorare la vita della batteria sia che tu abbia un iPhone o iPad che uno smartphone Android.

Leggi anche altre pratiche per ricaricare la batteria in modo corretto.

Facci sapere con un commento a questo articolo la tua opinione a riguardo.

Continua a seguirci su Telegram, Google News, YouTube, TikTok, FlipboardTwitter , MastodonInstagramPagina Facebook e canale WhatsApp.

VIAApple
FONTEFonte
Articolo precedenteJabra: arrivano gli update per gli auricolari Elite 8 Active ed Elite 10
Articolo successivoOfferte Kena Mobile: tutte le promo valide
Appassionato di tecnologia da sempre. Mi occupo di notizie, approfondimenti e guide dedicate al mondo Android e della tecnologia in generale. Mi piace la musica, amo anche il cinema e le serie TV. Ho scoperto Android con gli smartphone Nexus di Google, ma ho utilizzato anche iPhone per anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui