Come caricare la batteria dello smartphone in modo corretto

Come caricare la batteria dello smartphone in modo corretto

Sarai d’accordo se dico che gli smartphone hanno il difetto di mantenere poca autonomia di carica. Tanto da rimpiangere i telefoni cellulari di anni fa.

Quanto all’autonomia di carica di uno smartphone, i vari produttori si stanno muovendo verso batterie più capienti. Però ci sono alcune considerazioni da fare in merito alla batteria che troviamo sugli smartphone e anche sull’utilizzo corretto o meno che ne facciamo. La questione non è poi così complessa come si potrebbe pensare. Cerchiamo di fare un pò di chiarezza.

La batteria, questa sconosciuta

Facciamo una premessa che è anche una certezza: tutti gli smartphone attuali non hanno più batterie agli ioni di litio (Li-ion), ma ai polimeri di litio. Esse sono studiate e per poter garantire circa due anni, al massimo due anni e mezzo di funzionamento. Invece, in termini di efficienza essa inizia a calare dal momento della fabbricazione di circa un 20% all’anno, indipendentemente dall’utilizzo.

Come caricare correttamente le batterie: sfatiamo i falsi miti

La batteria dello smartphone non è un’entità sconosciuta. La tecnologia delle batterie ai polimeri di litio non ha solo svantaggi. Infatti ha permesso di creare batterie più capienti e più leggere delle precedenti batterie Nichel-Metallo Idruro (Ni-MH) e batterie agli ioni di litio, per la maggiore densità di carica. Oltre al fatto che quelle al litio non hanno l’effetto memoria a differenza delle precedenti.

Quindi, è davvero sbagliato scaricarle completamente e ricaricarle. O aspettare che lo smartphone sia completamente scarico prima di ricaricarlo. Addirittura, queste batterie rischiano di rovinarsi quando la loro carica è bassa. Perciò oggi si può caricare il proprio smartphone al bisogno. Consiglio di evitare che la batteria scenda sotto il 15 % di carica. Tutti gli smartphone sono tarati per spegnersi prima di consumare del tutto la batteria per evitare che essa si danneggi. Meglio, allora, ricaricare per brevi intervalli.

Batteria dello smartphone nuovo: quanto va caricata

Comprato il nuovo smartphone fiammante, come comportarsi con la batteria dello smartphone? Si consiglia di caricarlo completamente almeno una prima volta per inizializzare la batteria. Poi, tieni a mente che l’autonomia della batteria si stabilizza dopo i primi cicli di carica. Se l’autonomia dopo le prime ricariche non si stabilizza e cala rapidamente, la batteria potrebbe essere difettosa.

Batteria e temperatura ambientale

Ricorda questa cosa fondamentale. Le batterie al litio sono studiate per operare a temperature tra i 15 e i 35°C. Le batterie soffrono fortemente il caldo. Per non ammazzare la batteria, non tenere lo smartphone a lungo in ambienti troppo caldi. E compra una cover posteriore che garantisca una dissipazione del calore, visto che anche uno smartphone produce calore. Quindi, evita di lasciarlo in macchina per ore in estate, magari sul sedile o dentro un portaoggetti.

Il freddo, al contrario, non dà problemi alle batterie. Per la gioia di chi abita in montagna. Ovvio che è meglio non utilizzare lo smartphone a -40 °C perché il litio che è nelle batterie si congela.

Lasciare il telefono in carica a lungo serve o no?

Anche questo è un falso mito da evitare assolutamente. Quindi tenere il telefono in carica, oltre la carica completa, non fa bene alla batteria. Oltre al fatto che si sconsiglia fortemente di utilizzare carica batterie non originali. Potrebbero danneggiare la batteria.

L’autonomia cala troppo velocemente: che fare?

Per prima cosa verifica che la cosa non dipenda da qualche applicazione che hai installato e che sta chiedendo molta energia. È ormai risaputo, ad esempio, che la versione mobile di Facebook sia succhia-batteria, infatti l’azienda ha portato su App Store e Play Store la versione Lite. Se hai appurato che non è il tuo caso, si consiglia di fare un hard reset del telefono per calibrare di nuovo la batteria. Nel caso in cui anche questo non servisse, potrebbe dipendere dal firmware che hai appena installato. Dovesse dipendere da un bug nel firmware, ritorna al firmware precedente o aspetta il prossimo che risolva questo bug. Se neppure questo è il tuo caso, non resta che andare in assistenza per cambiare la batteria difettosa.

Come caricare la batteria dello smartphone in modo corretto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota: al di là di tutte le considerazioni su come caricare al meglio la batteria del smartphone, ricorda sempre che i telefoni emettono radiazioni elettromagnetiche. Suggerisco quindi, se ci tieni alla tua salute, di non tenere il telefono vicino a voi mentre stai dormendo. Piuttosto spegnilo e fai una sana dormita.

Poichè tenere in carica uno smartphone durante la notte, anche quando ha già raggiunto il 100% di carica, rovina la batteria è stato messo in commercio un accessorio molto utile che si chiama Witty. Witty spegne automaticamente il caricabatteria quando il dispositivo arriva al 100% di carica, in modo da non sovraccaricarlo inutilmente. Lo trovi in vendita sul sito ufficiale a circa 30€.

Per ricevere tante notizie di tecnologia, guide per smartphone e tariffe telefoniche convenienti puoi iscriverti gratis al nostro canale di Telegram. Se questo articolo ti è stato utile ricorda di accedere su Google News e mettere il blog tra i preferiti per leggere  ogni nuovo articolo. Ascolta i nostri podcast sul canale YouTube.

 

 

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here