Caricabatteria solare: i migliori cinque in commercio

Caricabatteria solare: i migliori cinque in commercio

La continua ricerca di autonomia da parte degli utenti per il proprio dispositivo ha portato molte persone a cercare soluzioni alternative.

Fino a qualche anno fa gli smartphone permettevano di sostituire la batteria, ora invece i modelli recenti non danno questa possibilità. Motivo per cui sono volati al successo i power bank (caricabatteria) che rappresentano ormai un accessorio indispensabile.

In questo articolo abbiamo selezionato i caricabatterie che sfruttano l’energia solare per ricaricare i dispositivi. Ce ne sono di tanti tipi e di ogni prezzo, quindi ne abbiamo scelti cinque tra quelli in commercio. Li abbiamo elencati in ordine di prezzo.

Caricabatteria solare: i migliori cinque in commercio

Vacanze senza ansia da ricarica con i power bank VARTA.

Caricabatteria solare: cinque prodotti a meno di 50 euro

Il modello più economico

Il primo caricabatteria è il modello RiTo Easysports che, però, non ha un accumulatore, quindi non è possibile ricaricare il power bank per averlo sempre pronto all’uso. In sostanza, sfrutta sempre e solo la luce del sole. Il vantaggio principale è ambientale. è composto da 3 pannelli fotovoltaici che possono essere ripiegati l’uno sull’altro rendendo il caricabatteria estremamente sottile, leggero e comodo da trasportare. L’assenza di batterie integrate inoltre salvaguarda l’ambiente dallo smaltimento degli accumulatori esausti. Il RiTo Easysports è disponibile su Amazon a soli 19,07 euro con uno sconto di circa il 20% sul prezzo di listino.

Il powerbank che non ti aspetti

Il secondo modello è davvero particolare. Infatti è un power bank che si ricarica attraverso la presa elettrica. Però la sua parte superiore è composta da un pannello solare. Quest’ultimo è piccolo, per cui non garantisce solo l’uso ad energia solare, tuttavia è una via di ricarica aggiuntiva da sfruttare nei casi di bisogno.

Questo modello è disponibile su Amazon a soli 20,75 euro con uno sconto del 20% sul prezzo di listino.

Il caricabatteria migliore per qualità/prezzo

Come il precedente, anche questo modello è un power bank di Hiluckey da 25.000 mAh. La ricarica ad energia solare è garantita da 4 pannelli fotovoltaici. Inoltre, ha certificazione IP65 che lo rende resistente ad acqua e polvere. Lo troviamo in vendita con uno sconto che sfiora il 40% su Amazon, a 29,99 euro ed è un ottimo compromesso per qualità/prezzo.

Il caricabatteria con ricarica wireless

Questo modello è un’ottima soluzione per chi cerca la ricarica wireless. Anche questo è un power bank da 24.000 mAh, ma provvisto di un singolo pannello solare nella parte superiore. Può essere ricaricato ad energia solare nel momento del bisogno, ma il modulo è un pò limitato, quindi non garantisce ricariche frequenti.

Inoltre, è composto da un modulo QI per la ricarica a induzione che può essere sfruttato con gli smartphone compatibili, semplicemente appoggiandoli sopra il power bank. Infine, è protetto da un rivestimento in gomma che permette di resistere ad acquapolvere e urti. Questo è disponibile su Amazon al prezzo di 30,99 euro

Il modello più comodo

Ultimo modello è questo che è composto da 4 pannelli solari, di cui uno posto direttamente nella parte superiore del dispositivo, con un design modulare. Gli altri 3 pannelli solari sono fissati su una superficie richiudibile e removibile, in modo da ridurre il peso generale. Il modello X-Dragon è in vendita su Amazon 39,99 euro con uno sconto del 20% sul prezzo di listino.

Continua a seguirci su Telegram, Google News, YouTube, TikTok, FlipboardTwitter o Instagram. Facci sapere le tue opinioni ed esperienze commentando i nostri articoli◊.

Articolo precedenteL’app Fimo riporta la tua fotocamera indietro nel tempo
Articolo successivoApple AirTag non sono indispensabili, però…. | Recensione
Appassionato di tecnologia da sempre. Mi occupo di notizie, approfondimenti e guide dedicate al mondo Android e della tecnologia in generale. Mi piace la musica, amo anche il cinema e le serie TV. Ho scoperto Android con gli smartphone Nexus di Google, ma ho utilizzato anche iPhone per anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui