Blackview BV5500, lo smartphone che vuole durare

Blackview BV5500, lo smartphone che vuole durare

D’accordo, il titolo sembra un pò da film di James Bond, però se leggi la recensione capisci il motivo

Abbiamo provato lo smartphone Blackview BV5500 Pro. Se ti piacciono le definizioni, possiamo dire che si tratta di uno smartphone pensato per resistere in quelle situazioni in cui altri smartphone alzerebbero bandiera bianca. Blackview BV5500 Pro resiste praticamente a tutto, è stato progettato appositamente per resistere alle cadute da un massimo di 1,5 metri, per resistere all’acqua e per non aver paura della polvere e della sabbia.

Caratteristiche del Blackview BV5500 Pro

D’accordo, il design non è il suo punto di forza, ma in effetti Blackview BV5500 Pro non vuole essere bello, ma forte. Ha un rivestimento in gomma nella scocca, un display da 5,5 pollici che ha una risoluzione HD di 1440×720 pixel, è luminoso non eccessivamente e ha anche un contrasto che va bene. Anche sotto la luce del sole si leggono i contenuti senza problemi.

Ovviamente si tratta di uno smartphone Android, equipaggiato con la versione 9 del robottino verde. Non ha alcun tipo di rallentamenti, grazie al processore MT6739V da 1.3 GHz e con 3 GB di RAM. Qualche difetto? Se ci fosse stato anche il lettore di impronte digitali non sarebbe guastato. Più per una questione di sicurezza che per una virtù estetica.

Ad ogni modo, il Blackview BV5500 Pro è certificato IP68. Significa che resiste a polvere e sabbia e può essere immerso in acqua fino a 3 metri per un’ora al massimo.

Blackview BV5500 Pro

Valutazione e prezzo

Blackview BV5500 è uno smartphone abbastanza economico, poco sopra i 100€ ed è adeguato per chi non chiede caratteristiche al top, ma piuttosto può vedere cadere lo smartphone senza temere il peggio.

PRO

  • Resistenza massima a cadute, polvere, sabbia e acqua;
  • 3 GB di RAM aiutano a far girare tutto bene;

CONTRO

  • L’assenza del lettore di impronte è abbastanza anomale;
Articolo precedenteSony WF-1000XM3: le cuffie wireless che aspettavi
Articolo successivoSamsung Pay: configurazione e dettagli
Mapu (chiaramente uno pseudonimo) ha fondato questo blog nel 2019 e continua a scriverci di tanto in tanto. Di poche parole, perchè ricorda che ‘’scripta manent verba volant’’, ha iniziato ad occuparsi di tecnologia nel 2015 collaborando prima con il blog MobileToday e poi con Scontista.com. Negli anni precedenti aveva pubblicato cinque libri, tra raccolte di racconti, saggi e romanzi. Finora ha scritto migliaia di articoli, centinaia di tutorial e dozzine di recensioni. I libri che ha pubblicato sono disponibili in versione digitale su Amazon, Google Play Libri e Apple Books, mentre in edizione cartacea sono tutti editi da Prospettiva Editrice.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui